Lifestyle

Etichettatrici Brother: organizzare casa

6 Ottobre 2015

12063741_1062070237136713_5252533492711317011_nParliamo di cose pratiche.
Nelle prossime settimane sarò impegnata con il mio quinto trasloco. Per fortuna questa volta non cambio città ma mi trasferisco solo in un nuovo quartiere, sempre a Milano.
Alzi la mano (o metta un “mi piace”) chi si è ritrovata/o nelle ore più improbabili a cercare negli scatoloni quel libro o quell’arnese da cucina che non vi ricordavate più dove avevate messo.
Io, sempre.
Cerco di organizzare nel modo più efficiente gli scatoloni dividendoli per stanza, per armadio, per cassetto ma all’ultimo ci infilo sempre qualcosa che non c’entra nulla giusto perché c’era ancora un piccolo spazio vuoto. Di che malattia soffro? Ah si, sono anche un pochino ipocondriaca.

Tutto questo bel preambolo per condividere con voi l’ansia per il prossimo trasferimento ma anche e soprattutto per parlarvi del Sacro Graal dell’organizzazione in casa: le etichettatrici!

Quando sono stata contattata da Brother* per partecipare all’evento di presentazione delle etichettatrici palmari H100R mi è subito venuto in mente quando da piccola mio padre mi portava dal lavoro etichette gialle con il mio nome da applicare sui quaderni e sulle gomme che immancabilmente qualche compagno di classe si intascava e quanto abbia desiderato averne una.
etichettatriciBrothers1Lo scorso mese, insieme ad altre blogger, ho avuto il piacere di prendere parte ad una serata nella quale ci è stata introdotta l’etichettatrice che vedete in queste foto e ho potuto sperimentare quante cose si possano fare grazie alla realizzazione di semplici ma utilissime etichette adesive.

Inutile dirvi che si può stampare facilissimamente qualsiasi testo, aggiungere cuoricini, stelline, faccine…scegliere tra 9 diversi font e 8 template disponibili.
Insomma, ci si può sbizzarrire quanto si vuole.
I nastri con i quali creare le etichette sono intercambiabili e disponibili in tanti colori e ovviamente le etichette si possono applicare in ogni dove: plastica, metallo, carta, vetro…e addirittura sui tessuti con l’apposito nastro termico.

Brother1Giusto per darvi qualche idea di come poterle utilizzare catalogando e personalizzando:
Scatole di scarpe e accessori. Ci si scrive stampa cosa contengono e trovare il giusto paio di décolleté per il nuovo vestitino a pois non sarà più un problema. Meno perdite di tempo e guardaroba più in ordine
Barattoli in cucina. D’accordo che sono di vetro ma tra la quinoa e il miglio, siete proprio sicuri di saper riconoscere l’una e l’altro?
Marmellate e conserve. Si può scrivere quando sono state fatte e indicare gli ingredienti utilizzati nella preparazione
Citofono e campanello. Nome e cognome stampati e in due secondi il corriere non potrà più dire che non ha trovato la vostra porta…
Make-up, smalti, creme. Rinominare un vasetto anonimo o indicare cosa contenga quel barattolino trasparente nel quale avete riversato il balsamo per farlo passare ai controlli dell’aeroporto farà sì che non vi ritroviate a lavarvi sotto la doccia con la crema corpo

brother4Etichettatrice_BrotherUsando le etichettatrici vi verranno sicuramente in mente mille altre idee perché è una mania, risveglia il bambino che c’è in noi e, se siete giusto un po’ maniaci dell’ordine quanto me, è inevitabile che vi si scateni la voglia di organizzare al meglio tutta la casa.

Fatemi sapere quali sono i modi che vi vengono in mente per #organizzare la vostra casa, il vostro guardaroba, il beauty. C’è sempre da imparare e trovare nuovi modi creativi di mettere ordine ☺

*Brother è un’azienda giapponese produttrice di soluzioni di stampa che offre anche etichettatrici per l’ordine e l’organizzazione in ambito lavorativo e domestico.

Vi lascio con qualche foto della serata:
brother3 brother2BrotherLabelSpazzoliniBrotherEtichettratrice
BROTHER ETICHETTATRICI EVENTO MILANO
Se avete ancora 5 minuti di tempo da dedicarmi, vi consiglio anche questi articoli:
Sandali e calzini: trend di stagione
Beach waves anche se ormai l’estate è solo un ricordo


comments

You Might Also Like

2 Comments

  • Reply Serena Autorino 6 Ottobre 2015 at 15:48

    Che carino questo post Laura! :*

    • Reply Laura Chiari 6 Ottobre 2015 at 16:03

      Grazie Serena! Vado a leggere anche i tuoi post, sono contenta che tutto si sia sistemato 🙂

    Leave a Reply